Esteri

Published on Novembre 8th, 2021 | by Redazione Italia

0

La dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Azerbaigian in occasione dell’8 novembre – Giorno della Vittoria nella Repubblica dell’Azerbaigian

L’8 novembre 2021, la Repubblica dell’Azerbaigian celebra il Giorno della Vittoria, che è diventato una celebrazione della forza del nostro popolo e del nostro orgoglio nazionale, ed è di eccezionale importanza per l’onore e lo sviluppo futuro del nostro stato.   A seguito della guerra patriottica di 44 giorni, iniziata il 27 settembre 2020 in risposta a una provocazione e a un’ulteriore aggressione militare dell’Armenia, l’Azerbaigian ha liberato le sue terre dall’occupazione e, in conformità con le relative risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, come numerose decisioni e risoluzioni di altre organizzazioni internazionali, l’integrità territoriale dell’Azerbaigian all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale è stata assicurata ed è stato ripristinato il diritto di circa un milione di sfollati interni azerbaigiani a vivere nelle loro case natali.   Come risultato delle operazioni militari di 44 giorni, sotto la guida del Comandante in Capo vittorioso, il Presidente Ilham Aliyev, l’eroico esercito dell’Azerbaigian ha liberato più di 300 insediamenti, comprese le città di Jabrayil, Fuzuli, Zangilan, Gubadli, così come la città di Shusha, che occupa un posto speciale nella storia e nella cultura del popolo azerbaigiano. Una dichiarazione trilaterale firmata dai leader di Azerbaigian, Russia e Armenia il 10 novembre 2020 ha posto fine alle operazioni militari e l’Armenia, riconoscendo la sua sconfitta, ha ritirato le sue forze armate dai distretti di Kalbajar, Aghdam e Lachin.

Così il conflitto è stato risolto con mezzi politico-militari.Dopo la guerra, l’Azerbaigian deve affrontare l’importante compito di ricostruire e restaurare, nonché di sminare i territori liberati. Al centro di questo lavoro c’è garantire il ritorno sicuro e dignitoso degli sfollati interni azerbaigiani alle loro case, i cui diritti fondamentali sono stati violati per decenni. In questo processo, che richiede tempo, denaro e sforzi seri, l’Azerbaigian non è solo, i paesi amici e partner stanno partecipando alla rivitalizzazione dei territori liberati. Nei prossimi anni assisteremo al ritorno nelle loro case dei primi sfollati interni.   L’Azerbaigian ha adottato misure appropriate per indagare su azioni illegali, violazioni del diritto internazionale, crimini di guerra, urbicidi, culturicidi ed ecocidi commessi dall’Armenia nel quadro della sua politica di aggressione lunga quasi 30 anni, nonché per assicurare alla giustizia i responsabili di queste violazioni e questi passaggi continueranno nelle fasi successive. Punire gli autori e garantire la giustizia sono importanti in termini di prevenzione del ripetersi di tali casi in futuro.   Garantire pace, sviluppo e progresso duraturi è la base della visione dell’Azerbaigian per il futuro. Dopo l’eliminazione del fattore di occupazione dei suoi territori, l’Azerbaigian è pronto a normalizzare le relazioni con l’Armenia sulla base del rigoroso rispetto dei principi del diritto internazionale, in particolare dei principi di sovranità, integrità territoriale e inviolabilità dei confini internazionali. Al fine di garantire la pace e la sicurezza future nella regione, è importante in questa fase attuare pienamente le dichiarazioni trilaterali e l’Azerbaigian si aspetta che l’Armenia ricambi i passi compiuti dall’Azerbaigian in questa direzione.  Con la fine del conflitto, nella regione del Caucaso meridionale sono emerse nuove realtà e tutti devono accettare queste realtà. L’Armenia deve scegliere tra cooperazione regionale e rivendicazioni territoriali illegali e infondate nei confronti dei suoi vicini. La comunità internazionale deve svolgere un ruolo positivo in questo senso e invitare l’Armenia a rendersi conto che non c’è alternativa alla pace. I tentativi di sostenere direttamente o indirettamente il revanscismo e il suo armamento in Armenia devono essere fermati.   L’8 novembre – Il Giorno della Vittoria, è una celebrazione del diritto internazionale e della giustizia, che forma una pagina gloriosa nella storia del popolo azerbaigiano. In questo giorno importante, ricordiamo con profondo rispetto e stima la memoria di tutti i nostri martiri che hanno dato la vita per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale dell’Azerbaigian.

RED

Tags: ,


About the Author



Back to Top ↑
  • Translator

  • Azerbaijan News – Facebook Official

  • Meteo a Baku
    36°
    cielo sereno
    umidità: 32%
    vento: 6m/s SE
    Max 36 • Min 29
    31°
    Mer
    30°
    Gio
    30°
    Ven
    29°
    Sab
    26°
    Dom
    Weather from OpenWeatherMap
  • Links – Partners

  • Azerbaigian – video presentazione