Presidente

Published on Gennaio 13th, 2022 | by Redazione Italia

0

Ilham Aliyev: la produzione di gas dell’Azerbaigian aumenterà in modo significativo

Il 12 gennaio il Presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev ha rilasciato un’intervista di circa 3 ore ai canali televisivi locali. Nell’intervista, il capo di stato dell’Azerbaigian ha risposto alle domande dei giornalisti sul lavoro svolto nel Paese nella sfera economica e sociale nel 2021, le relazioni tra Azerbaigian e Armenia, le opere di ricostruzione nei territori liberati, la politica estera, i rapporti UE-Azerbaigian, il ruolo dell’Azerbaigian nell’approvvigionamento energetico in Europa e altre questioni.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che la crescita economica in Azerbaigian nel 2021 è stata superiore al 5%. L’economia non petrolifera è cresciuta del 7,2%, la produzione industriale totale è aumentata di oltre il 5%, mentre l’industria non petrolifera è cresciuta di circa il 20%, che è forse la più alta al mondo. Il capo dello stato ha affermato che, nonostante la piena attuazione del programma di investimenti, che richiede ingenti spese, soprattutto nei territori liberati – Karabakh e Zangazur orientale e altre parti del paese, le riserve valutarie del paese sono aumentate di 2,5 miliardi $. Il Presidente Ilham Aliyev ha aggiunto che l’Azerbaigian è forse uno dei pochi paesi con una bilancia commerciale estera positiva.

In un momento in cui le importazioni superano le esportazioni nella maggior parte dei paesi del mondo, alla fine dell’anno le esportazioni in Azerbaigian hanno superato significativamente le importazioni e il saldo positivo ammontava a oltre 10 miliardi $. In particolare, le esportazioni non petrolifere sono aumentate di oltre il 40%. In relazione al 2022, il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che il budget più grande della storia del paese sarà quello di quest’anno. Le spese di bilancio raggiungeranno circa 30 miliardi di manat. “Per un paese appena uscito dalla guerra, questi risultati dimostrano davvero che c’è un quadro molto buono nella sfera economica. Quest’anno verranno attuati progetti di investimento nelle terre liberate e le riforme continueranno in tutte le aree della nazione. In generale, la nostra politica di purificazione e trasparenza nel nostro Paese si riflette in tutti i settori.”

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che nel 2021 è iniziato ad essere attuato un programma molto ampio nei territori liberati, e ciò è stato fatto a spese dei fondi propri del Paese, senza chiedere o ricevere aiuto da nessuno. In primo luogo, ha affermato che dovrebbe essere effettuato lo sminamento e l’Azerbaijan National Agency for Mine Action – ANAMA, il Ministero della Difesa e il Ministero delle situazioni di emergenza stanno lavorando attivamente in questo settore. Ha osservato che non è possibile avviare un programma di ritorno su larga scala di profughi senza farlo e che l’attenzione è concentrata sullo sminamento, in particolare sugli attraversamenti delle infrastrutture. Ha anche notato che il processo di sminamento nelle città di cui il piano generale è pronto, in particolare a Shusha e Agdam, sta procedendo rapidamente. Ha osservato che sono stati costruiti circa 700 chilometri di strade di servizio nelle aree confinanti con l’Armenia – nei distretti di Kalbajar, Lachin, Zangilan, Gubadli, dove sono state costruite moderne infrastrutture per il servizio militare.

Notando che il processo di creazione dell’elettricità in queste aree è iniziato, il Presidente Ilham Aliyev ha aggiunto che in tutti i territori liberati sono state costruite 7 sottostazioni durante l’anno, specialmente in inverno, fino al distretto di Kalbajar da Dashkesan sono stati posati 3.500 metri di pali elettrici, e ciò mostra la forza e il potenziale del Paese. Per quanto riguarda la costruzione di strade interurbane nelle aree liberate, il capo dello Stato ha affermato che è in corso di realizzazione un tunnel da Goygol a Kalbajar, un secondo tunnel tra Kalbajar e Lachin, la costruzione dell’autostrada Barda-Agdam, i lavori per collegare Naftalan con Talish e Sugovushan. Ha notato che la strada Fuzuli-Shusha e la strada Zafar sono state costruite in un anno, in corso la costruzione dell’autostrada in quella direzione, così come – le strade Fuzuli-Hadrut, Fuzuli-Jabrail, Horadiz-Agband, Zangilan-Gubadli-Lachin, strade aggiuntive in direzione di Lachin. Quanto alle ferrovie, ha affermato che la costruzione della ferrovia Barda-Agdam e quella dalla parte del corridoio Horadiz-Agband-Zangazur è già iniziata.

Il capo dello Stato ha affermato che è stato fatto un grande lavoro per restaurare i monumenti storici nelle aree liberate, in particolare a Shusha, e che sono state gettate le fondamenta delle moschee di Aghdam, Zangilan, Hadrut e Dashalti e che sono iniziati i lavori di riparazione. Ha detto che i masterplan delle città di Aghdam e Fizuli sono pronti, e che sono stati firmati accordi con le aziende interessate sulla preparazione dei masterplan di altre città. Ha aggiunto che la costruzione di un complesso residenziale a Shusha, di scuole e ospedali ad Agdam, in altri luoghi e villaggi è già iniziata, così come tra poco sarà in servizio il villaggio di Agali.
Il Presidente Ilham Aliyev ha anche espresso le sue opinioni sulle tendenze revansciste in Armenia, così come sulle nuove provocazioni militari della parte armena sul confine di stato negli ultimi giorni. Il capo dello Stato ha affermato che, purtroppo, c’è un forte umore revanscista in Armenia, sia nelle forze al potere che all’opposizione, oltre che nella società. Ha detto che ieri è stata commessa un’altra provocazione militare contro i militari azerbaigiani e che un militare azerbaigiano è stato ucciso, e questo non è il primo incidente dopo la guerra. “Le forze armate azerbaigiane hanno adottato misure decisive per punire i criminali e oggi, secondo il ministro della Difesa, 6-8 militari dell’avversario sono stati uccisi e molti sono rimasti feriti.

Poco dopo l’incidente, la parte armena ha iniziato a insistere per un cessate il fuoco. La morte di un militare azerbaigiano non sarà mai perdonata. Dopo le numerose richieste da parte armena, direi, e delle forze di pace russe, nonostante l’incidente non sia avvenuto nelle aree di loro competenza, ma in direzione di Kalbajar, alle 21:30 ho dato ordine al ministro della Difesa di cessare il fuoco e permettere alla parte armena di prendere i molti feriti. Di conseguenza, l’Azerbaigian ha dimostrato nuovamente umanità”.

Il Presidente Ilham Aliyev ha aggiunto: “Stiamo monitorando da vicino tutti gli sforzi di costruzione militare in Armenia, sia con le proprie forze che con l’aiuto dei loro partner. Pertanto, ho dichiarato apertamente e sinceramente che, se vediamo anche una piccola minaccia alla nostra sicurezza, non importa questa minaccia dove sia nel territorio dell’Armenia, la distruggeremo immediatamente. Tutti, prima di tutto, la leadership armena, devono saperlo e capirlo”. Il capo di stato dell’Azerbaigian ha enfatizzato che è possibile che la fonte della provocazione di ieri siano i recenti eventi nella CSI, e che la parte armena crede che le sue opportunità siano aumentate, oppure può ottenere supporto da qualche parte. “Ma non devono dimenticare che, come nella seconda guerra del Karabakh, non importa chi li aiuterà, otterremo ciò che vogliamo e nessuno può fermarci, niente può fermarci. L’unica cosa che ci ferma è che non vogliamo una terza guerra, che non è nei nostri piani. Vogliamo che la guerra finisca, vogliamo che si stabiliscano relazioni normali e che l’Armenia riconosca finalmente l’integrità territoriale dell’Azerbaigian. Lo vogliamo. Ma se vediamo che, come ho detto, c’è una minaccia per noi, quella minaccia sarà distrutta all’istante”.

Il Presidente Ilham Aliyev ha enfatizzato che la leadership armena non ha una visione chiara per il futuro, ma la politica dell’Azerbaigain è molto chiara. “Abbiamo proposto che i due paesi riconoscano l’integrità territoriale dell’altro, inizino i lavori sulla delimitazione dei confini, avviino il processo di apertura delle comunicazioni e firmino un accordo di pace”, ha detto aggiungendo che “la parte armena è titubante ed ancora una volta, questo dimostra che i circoli ufficiali non sono ancora stati in grado di formarsi un’opinione su questo tema”.

“Se non vogliono riconoscere la nostra integrità territoriale, allora non riconosceremo la loro integrità territoriale. Abbiamo forse cento volte più motivi per non riconoscere l’integrità territoriale dell’Armenia. Perché questo lo sanno già tutti, e la comunità mondiale sa che nel novembre del 1920 la nostra storica terra Zangazur fu separata da noi e annessa all’Armenia, così come Goycha. La città di Yerevan fu ceduta all’Armenia il 29 maggio 1918. Cioè, abbiamo molti fattori, come si suol dire, per non riconoscere l’integrità territoriale dell’Armenia. Tuttavia, siamo pronti ad un riconoscimento per la pace futura e l’instaurazione delle relazioni tra i paesi”.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che un anno dopo la fine della guerra, la reazione della comunità internazionale è stata soddisfacente e che l’Azerbaigian ha creato una nuova realtà nell’ambito dei suoi diritti costituzionali, nel quadro della Carta delle Nazioni Unite e dell’Atto finale di Helsinki e che di conseguenza, oggi le organizzazioni internazionali – l‘ONU, il Movimento dei Paesi Non Allineati, l’OSCE, l’Unione Europea, la CSI – hanno pienamente accettato queste realtà. “Probabilmente anche il corso della seconda guerra del Karabakh ha influenzato questo. Abbiamo combattuto quella guerra con dignità, come uomini, senza violare le norme umanitarie internazionali”. Il capo di stato ha aggiunto che “Il fattore successivo è che abbiamo subito organizzato visite di diplomatici, giornalisti e personaggi pubblici di diversi paesi nei territori liberati. Erano tutti sotto shock. Anche tutti noi. Perché non conoscevamo la portata del vandalismo e della barbarie. Questo sovvertì completamente l’intera concezione ideologica degli armeni, come se fossero un popolo civile, un popolo antico, circondato da barbari musulmani, un popolo nobile del Caucaso, frutto del cristianesimo. Può una nazione nobile fare una cosa del genere? Portare fuori i morti dalle tombe, estrarre i loro denti d’oro, rompere le lapidi e venderle ai paesi vicini, distruggere moschee, tenere lì i maiali”.
Il Presidente Ilham Aliyev ha detto che gli azerbaigiani non hanno fatto tali azioni. “Adesso tutto è al sicuro nei villaggi sotto il nostro controllo, intendo i villaggi abitati dagli armeni. Un anno dopo, ero ad Hadrut, dove non fu toccato un solo edificio. Durante l’occupazione vi abitarono principalmente armeni. Questo, in generale, contraddice il carattere del popolo azerbaigiano. Nessuna lapide è stata rotta, nessuna chiesa è stata distrutta. Sto raccontando l’epopea sull’UNESCO, hanno quasi cercato di accusarci di vandalismo, hanno pensato che ora distruggeremo le chiese. Abbiamo concordato con loro il percorso dell’arrivo degli armeni qui. Loro e alcuni dei paesi a loro associati volevano venire qui con forza. Quando abbiamo organizzato le visite di diplomatici stranieri e giornalisti stranieri nei territori liberati, quando hanno visto che queste chiese e queste tombe erano al loro posto, il tema della visita dell’UNESCO è stato rimosso dall’ordine del giorno. Il problema è questo.

Li abbiamo invitati per molti anni. Qual è stata la risposta? Si diceva che l’UNESCO non si occupasse di questioni politiche. Non appena la seconda guerra del Karabakh finì, insistettero per venire qui. Abbiamo concordato percorsi e così via. Quello che è successo in questo periodo è noto. Hanno visto di persona che non stiamo distruggendo nulla, ma quando verranno qui, vedranno moschee distrutte, cimiteri distrutti, monumenti storici, città distrutte, saranno costretti solo a dire chi ha fatto ciò. Quindi non vogliono farlo.” Pertanto, il Presidente Ilham Aliyev ha aggiunto, il rispetto per la nostra gente e per il nostro Paese è aumentato incredibilmente e la seconda guerra del Karabakh non significa solo la liberazione dei territori, il risveglio dello spirito nazionale e il ritorno della dignità, ha un effetto moltiplicatore, positivo, e avrà sempre conseguenze vantaggiose.

Per quanto riguarda il Gruppo OSCE di Minsk, il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che non dovrebbe occuparsi del conflitto del Nagorno-Karabakh, perché il conflitto è stato risolto e l’Azerbaigian ha risolto questo problema per lui, e deve accettare questa nuova realtà, non importa quanto sia difficile per lui. “Dovrebbero sapere che non affronteranno più la questione del Karabakh, perché non lo permetteremo. Siamo stati una parte in questo conflitto. Se una delle parti dice che questo conflitto è risolto, allora non c’è spazio per la mediazione e la nostra posizione è stata loro trasmessa. Probabilmente dovranno pensare da soli di cosa occuparsi”, ha enfatizzato il Presidente. “Per quanto ne so, non c’è unità tra i co-presidenti come in passato. Le mie opinioni lo testimoniano. Le relazioni tra questi paesi sono diventate particolarmente tese di recente, così come le loro opinioni divergenti sul conflitto passato e sull’attuale situazione. Non credo che possano trovare un accordo. In ogni caso, non siamo preoccupati per il loro basso livello di attività, il contrario”, ha detto il capo di stato, aggiungendo: “In primo luogo, è necessario chiarire la fattibilità di questo gruppo. In secondo luogo, dovrebbero presentare un diario di ciò che intendono fare e questo diario dovrebbe essere concordato tra loro tre. E poi la parte azerbaigiana e quella armena devono esprimere il proprio atteggiamento nei loro confronti. Non ci sono ancora questi primi due punti. Pertanto, in linea di principio, non c’è alcun argomento di cui parlare”.

Elogiando le relazioni dell’Azerbaigian con l’Unione europea, il Presidente Ilham Aliyev ha anche apprezzato positivamente gli incontri tenuti lo scorso anno con il presidente Charles Michel in Azerbaigian ed a Bruxelles. “Vogliamo legami più stretti con l’Europa. L’Europa vuole anche che la situazione ai suoi confini sia stabile. Penso che durante gli incontri con il sig. Michel siamo stati in grado di formulare questo ordine del giorno. Spero che questo approccio congiunto consenta di concordare presto il nuovo accordo. Perché attualmente circa il 90-92% dell’accordo è stato concordato. Ci sono diversi articoli che non sono stati concordati. Ma penso che se viene mostrata una volontà seria, possiamo raggiungere questo obiettivo da entrambe le parti”, ha detto il Presidente Ilham Aliyev.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che l’Azerbaigian è un partner strategico di 9 Stati membri dell’UE e collabora attivamente con i paesi dell’UE in termini di sicurezza energetica. Per molti anni, l’Azerbaigian ha svolto un ruolo di partner affidabile come fornitore di petrolio per l’Europa e oggi come fornitore di gas per l’Europa, soprattutto nell’attuale contesto della crisi del gas in Europa, c’è un grande bisogno di gas azerbaigiano.
“L’infrastruttura di trasporto creata in Azerbaigian è la più moderna. Quasi tutti i lavori sono già stati completati. Questo è di grande interesse per l’Europa. Il signor Tusk, ex presidente del Consiglio dell’Unione europea, ha visitato Alat a Baku nel 2019 e ha visionato la situazione al porto marittimo internazionale. Durante la sua visita a Shamakhi, all’attuale presidente Michel è stata presentata sia la zona economica di Alat che il porto. Sulla strada per Shamakhi, Charles Michel ha anche visitato Azercosmos. È stato creato un nuovo formato di cooperazione spaziale con i partner europei dell’Azerbaigian. Anche questo è molto positivo. Siamo, ovviamente, interessati a portare la tecnologia in Azerbaigian. Otteniamo queste tecnologie dall’Europa e l’Europa ottiene le nostre risorse energetiche. Cioè, gli interessi reciproci qui coincidono”, ha detto il Presidente.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che l’unico argomento che può creare problema o preoccupazione con l’UE è il valore del pacchetto finanziario per l’Armenia e l’Azerbaigian. “Siamo molto sorpresi dal fatto che siano previsti solo 140 milioni di euro per l’Azerbaigian, che ha subito una grande devastazione e 2,6 miliardi di euro per l’Armenia. Questo è ingiusto, perché l’Azerbaigian è cinque volte più grande dell’Armenia in termini di popolazione e territorio. Non un solo edificio è crollato in Armenia. Il nostro territorio è grande quanto il Libano ed è stato completamente distrutto. Ho sollevato la questione così che alle stesse condizioni e per la stessa quantità di denaro che sarà data all’Armenia, la stessa somma dovrebbe essere data a noi alle stesse condizioni. Quanto è giusta la spiegazione che l’Azerbaigian ha più soldi, e l’Armenia ha meno soldi? Non può essere così”. Il Presidente Ilham Aliyev ha notato che non vi sono altri disaccordi tra l’Azerbaigian e l’UE tranne questo tema, e ha aggiunto che anche il recente vertice del partenariato orientale lo ha dimostrato. “Sono fiducioso che le nostre relazioni con l’Unione europea continueranno con successo. Questo è importante per noi, è parte integrante del nostro concetto di politica estera”.

Il Presidente Ilham Aliyev ha osservato che l’Unione europea potrebbe svolgere un ruolo nella normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian e che la piena parità è stata mantenuta nell’ultimo incontro di Bruxelles: “Accolgo positivamente questo, e semplicemente il principio di giustizia dovrebbe svolgere un ruolo chiave qui, perché finora, a differenza di alcuni paesi, l’Unione europea ha sostenuto la giustizia”. Il Presidente dell’Azerbaigian ha aggiunto: “Ciò può essere, allo stesso tempo, correlato alle attività del corridoio Zangazur, all’assistenza economica e finanziaria, come ho detto, se è equa. C’è un grande potenziale intellettuale ed esperienza in Europa, c’è e stanno definendo i confini. Possono formulare raccomandazioni nella definizione dei confini. Cioè, possono aiutare in molti settori. In ogni caso, lo accogliamo con favore.”

Il Presidente Ilham Aliyev ha descritto la realizzazione del Corridoio Meridionale del Gas come un evento storico: “L’attuazione di questo enorme progetto energetico con qualità e in una situazione geopolitica difficile ha richiesto sforzi davvero grandi. Qui, l’Azerbaigian ha mobilitato diversi paesi come una squadra. Abbiamo raggiunto questo obiettivo insieme e il mese prossimo Baku ospiterà il prossimo Consiglio consultivo del corridoio meridionale del gas”. Il Presidente dell’Azerbaigian ha enfatizzato che l’importanza del corridoio meridionale del gas è forse più visibile in Europa ora, perché questa crisi del gas li ha scossi in larga misura: sia i prezzi, la carenza di gas, che il riempimento insufficiente degli impianti di stoccaggio del gas. Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che l’inverno è appena iniziato e si prevede che l’inverno sarà molto rigido, quindi la carenza di gas porterà a gravi conseguenze e il volume di gas azerbaigiano potrebbe essere decisivo per diversi paesi.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che nel 2022 dovrebbero essere prodotti 45 miliardi di metri cubi di gas in Azerbaigian nel suo insieme, una quantità importante per soddisfare la domanda interna del paese, nonché per trasportare allo spazio europeo i volumi maggiori: “Quest’anno verranno esportati circa 19 miliardi di metri cubi di gas. Più di 8 miliardi saranno esportati in Turchia e più di 7 miliardi in Italia. Il gas rimanente sarà diviso tra Georgia, Bulgaria e Grecia“, ha detto il Presidente.
Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che in termini di infrastrutture, l’Azerbaigian potrebbe fornire il suo gas ad altri paesi, aggiungendo che Shah Deniz ha un grande potenziale ed è fiducioso che ci saranno più riserve, anche se il volume provato del giacimento è superiore a 1 trilione di metri cubi di gas. Inoltre, ha affermato che in futuro sarà messo in funzione il giacimento di gas di Absheron in Azerbaigian, così come Umid, Babek, Asiman e molti altri giacimenti di gas diventeranno gradualmente operativi e la produzione di gas dell’Azerbaigian aumenterà in modo significativo. “Questo è il nostro grande vantaggio. Porterà fondi aggiuntivi al nostro paese, amplierà le capacità internazionali del nostro paese e, naturalmente, questo fattore continuerà a svolgere un ruolo importante nelle relazioni UE-Azerbaigian”, ha affermato il capo di stato dell’Azerbaigian.

Il Presidente Ilham Aliyev ha concluso il suo incontro con i giornalisti con queste riflessioni: “Oggi l’Azerbaigian, in quanto membro responsabile della comunità internazionale e presidente del Movimento dei Paesi non allineati, continuerà, ovviamente, a difendere lo stato del diritto internazionale. Parteciperemo, sfrutteremo queste opportunità più facilmente oggi, perché abbiamo già sollevato il pesante fardello del problema del Karabakh, e penso che saremo uno dei paesi che si avviano al nuovo ordine mondiale, perché di fatto è già successo e lo faremo, siamo pienamente preparati alla situazione, siamo pronti con tutte le risorse interne. Siamo pienamente pronti per qualsiasi opzione, sia moralmente, che dal punto di vista della mobilitazione del nostro popolo, per l’unità tra il nostro popolo e le istituzioni, per l’indipendenza economica, l’indipendenza energetica, l’agenda politica e le opportunità, che sono in aumento dopo la vittoria del Karabakh“.

RED

Tags: , , , , ,


About the Author



Back to Top ↑
  • Translator

  • Azerbaijan News – Facebook Official

  • Meteo a Baku
    20°
    cielo coperto
    umidità: 65%
    vento: 12m/s N
    Max 21 • Min 19
    21°
    Lun
    23°
    Mar
    25°
    Mer
    25°
    Gio
    26°
    Ven
    Weather from OpenWeatherMap
  • Links – Partners

  • Azerbaigian – video presentazione