Economia

Published on Maggio 10th, 2014 | by admin

0

Il gasdotto Tap potrebbe non passare più per l’Italia

Lavori per la TAP L’Italia rischia di essere esclusa dal tracciato del gasdotto Tap per sue mancanze interne e di coordinamento“. A lanciare l’allarme sull’infrastruttura che dovrebbe portare il gas azero in Puglia è l’ad di Tap Italia, Giampaolo Russo, che ha riferito dell’ipotesi in circolazione di cambiare l’approdo finale, trasferendolo da San Foca (Puglia) in Croazia.
L’ipotesi, dunque, che l’Italia venga esclusa a causa degli ostacoli posti dal territorio, è secondo Russo, che ha chiesto un tavolo istituzionale sul tema, “deplorevole“.

Tap – ha osservato Russo intervenendo al convegno ‘Verso il G7 energia: focus sulla sicurezza internazionale è più di un anno che si dice disponibile a rivedere l’approdo, ma ci deve essere un tavolo di coordinamento importante, politico, perchè se è vero che l’approdo selezionato è quello che tecnicamente minimizza gli impatti, ogni altro approdo che ha un impatto diverso sul territorio deve essere condiviso coi territori stessi, con la Regione, con le autorità nazionali“. Questo, per l’azienda, ” è tema, importante, irrinunciabile“.

L’ipotesi Croazia che circola da una decina di giorni, ha aggiunto il manager, “ci spaventa come Tap Italia. Ho scoperto parlando con alcuni Paesi al di là dell’Adriatico che non è un’ipotesi di scuola, ma un’ipotesi sulla quale la Croazia si vuole affermare con tempestività. Si insinua nelle nostre debolezze, nei nostri ritardi, sia con licenze di esplorazione per idrocarburi dell’Adriatico, sia nella costruzione di rigassificatori, sia da ultimo spingendo molto per la realizzazione dello Ionian Adriatic pipeline, un altro gasdotto al quale Tap ha partecipato a livello opinioni e consenso politico, che prevede una bretella che dell’Albania passi attraverso Montenegro, Bosnia Erzegovina e finisca poi in Croazia, dove avremmo un nuovo hub del gas“. Pertanto, ha concluso, “è importante che si prendano decisioni e impegni perchè l’ipotesi che l’Italia venga esclusa per sue mancanze interne e di coordinamento è deplorevole“.Lavori costruzione TAP

Sul gasdotto Tap però, l’Italia “è determinata ad andare fino in fondo“. Lo ha assicurato il viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, dopo l’allarme lanciato da Giampaolo Russo, secondo cui l’approdo finale dell’infrastruttura potrebbe essere trasferito dalla Puglia alla Croazia a causa degli ostacoli posti sul territorio alla realizzazione del progetto. “E’ compito del governo – ha aggiunto – costruire una governance di consenso” attorno al gasdotto.

L’Italia, ha tra l’altro ricordato De Vincenti intervenendo anch’egli al convegno ‘Verso il G7 energia: focus sulla sicurezza internazionalè, “è stata protagonista nel progetto Tap, ha promosso l’accordo con Grecia e Albania e ha curato i rapporti con l’Azerbaijan: si tratta di un progetto strategico per l’Italia e per l’Unione europea e per noi è quindi essenziale realizzarlo e accelerare le valutazioni di impatto ambientale nella massima sicurezza“.

Fonte “Gazzetta del Mezzogiono

Tags: , , , ,


About the Author



Back to Top ↑
  • Translator

  • Azerbaijan News – Facebook Official

  • Meteo a Baku
    9°
    nubi sparse
    umidità: 81%
    vento: 4m/s NO
    Max 14 • Min 9
    12°
    Mer
    14°
    Gio
    14°
    Ven
    13°
    Sab
    15°
    Dom
    Weather from OpenWeatherMap
  • Links – Partners

  • Azerbaigian – video presentazione